Termini Imerese

In una conca pittoresca, dolcemente adagiata ai piedi del monte San Calogero che degrada lentamente verso il mare, si scorge Termini Imerese. La città affonda le sue radici in tempi antichi, storia e leggenda si sono infatti intrecciate nel tempo segnando momenti che hanno esaltato la crescita culturale di una città definita “splendidissima”. Il nome della città la vede legata all’affascinante storia di Himera, alle mitiche acque fatte sgorgare grazie alle belle ed ospitali Ninfe, seguaci di Minerva (la dea predilesse il contado Termitano-Imerese) per ritemprare le stanche membra del semidio Ercole. Il sito termale, distrutto dai Cartaginesi nel 409 a.C. diede il nome a Termini Imerese, cioè Terme di Himera. Il territorio termitano è celebre per la presenza di una intensa attività agricola dedita alla coltivazione prevalentemente degli ulivi, mantenendo nei secoli un livello qualitativo di prim’ordine. Nel parco del San Calogero, ai piedi delle Madonie, proprio in questa piccola città, sorgono più produttori di miele, che da tanti anni, promuovono il loro prodotto nel mondo.


Iscriviti alla nostra newsletter

Per ricevere informazioni su prodotti, promozioni e offerte pensate appositamente per te