Polizzi Generosa

Abbarbicata su un monte a 900 metri sul livello del mare, protesa sulle sottostanti vallate dell’Imera, circondata dai contrafforti delle Madonie, sorge Polizzi Generosa, un antico borgo dalle origini ancor oggi misteriose. Alcuni la identificano con l’Atene siciliana di cui parla Diodoro Siculo, altri sostengono che sia stata fondata dai bizantini, altri ancora che tragga origini dall’antica Palica. Mozzafiato è il panorama che si gode da Piazza Trinità nelle giornate limpide, Polizzi Generosa sovrasta placidamente la splendida vallata sottostante e tra il susseguirsi di monti all’orizzonte, si intravede un fazzoletto di mare. Emozionanti i tramonti e spettacolare la cosiddetta “maretta”, quando le nubi, restando a bassa quota, coprano le colline e lasciano emergere solo le vette dei monti, come isole su un immenso mare. Il territorio comunale fa parte del Parco delle Madonie e ciò lo rende un vero e proprio paradiso per la varietà di flora e fauna che lo popolano. Grazie alle diverse condizioni climatiche, il parco offre spettacolari paesaggi in tutti i periodi dell'anno. I boschi, costituiti da faggi, lecci e abeti, sono diffusi prevalentemente nella zona tra Piano Battaglia, Pizzo Carbonara, Piano Zucchi e Monte dei Cervi. Per meglio godere di queste meraviglie naturali sono stati creati diversi sentieri naturalistici percorribili a piedi, a cavallo o in bicicletta. Grazie al suo clima e al tipo di terreno il territorio di Polizzi si è prestato alla coltivazione del tipico "fagiolo badda", chiamato così per la sua forma tondeggiante, altra caratteristica di questo fagiolo è il suo colore. Lo si trova in due varianti: avorio con macchie rosate o avorio con macchie violacee tendenti al nero. Grazie a questo particolare legume Polizzi è diventato presidio Slow Food.


Iscriviti alla nostra newsletter

Per ricevere informazioni su prodotti, promozioni e offerte pensate appositamente per te