• Erice

Erice

Furono gli esuli Troiani, secondo Tucidide, a fondare Erice, insediandosi e unendosi alle popolazioni autoctone e confluendo nel popolo degli Elimi.
Per la sua posizione strategica fu contesa nel corso dei secoli da Siracusani, Cartaginesi e Romani.
Il nome, secondo Virgilio, deriverebbe da Erix, figlio di Afrodite, che scontratosi con Ercole, morì proprio in questi luoghi. Inoltre Erice viene citata dal poeta come uno dei luoghi di approdo di Enea, che qui seppellì il padre Anchise.
La cittadina è sempre stata legata al culto di divinità legate all'amore e alla fecondità. I Sicani e i Romani infatti consideravano il monte sacro alla Venere Ericina, dea in seguito venerata come Afrodite.
Durante la dominazione araba fu chiamata Gebel-Hamed, per poi diventare Monte San Giuliano dopo la conquista da parte dei Normanni che la dotarono di nuovi edifici civili e religiosi rendendola una delle maggiori città demaniali del regno. Nel tessuto urbanistico sono presenti palazzetti e costruzioni che testimoniano il benessere economico raggiunto nei 700 anni di storia del borgo.
Il nome Erice viene recuperato nel 1934.
Di grande interesse architettonico sono la Piazza della Loggia e il Giardino del Balio, ornato di viali e aiuole, e il belvedere, dal quale lo sguardo si allarga verso Trapani, le saline, le isole Egadi ed il monte Cofano.
Il piccolo borgo, che conserva intatto l'impianto medievale, è raggiungibile dal 2005 tramite una funivia dalla quale si può ammirare un suggestivo panorama del territorio circostante.
L'artigianato è tuttora presente nella lavorazione della ceramica, nella tessitura dei tappeti ericini e nella pasticceria con i tipici dolci di marzapane e cedro candito e i petali ericini.

Vedi mappa

DOROTEA CAMPO

Dal grano alla pasta, passando dal molino Campo.

A Erice, splendido borgo medioevale della provincia di Trapani, sorge il Molino Campo, un’azienda familiare che dal 1928 è specializzata nella tradizionale arte del macinare il grano duro siciliano.
Mettendo insieme innovazione e tradizione, oggi Dorotea Campo, che proseguire l’attività di famiglia, ha dato vita ad un’impresa artigianale che unisce l’attività molitoria all'arte culinaria trapanese.
Dal 2009 il Pastificio Artigianale Campo valorizza la semola di grano duro siciliano macinata dal Molino Campo attraverso una sapiente lavorazione che si basa sull'uso di trafile..

Vai alla pagina del produttore

Un Viaggio nei nostri territori

Clicca il pin e scopri le nostre tenute
loading

Iscriviti alla nostra newsletter

Per ricevere informazioni su prodotti, promozioni e offerte pensate appositamente per te